Povertà e molestie sessuali: che prevenzione cardiovascolare per le donne?

Tra il 2012 e il 2015, anni prima che i movimenti Time's Up and Me Too stimolassero innumerevoli donne a farsi avanti con resoconti di molestie sessuali e aggressioni, i ricercatori dell'Università di Pittsburgh chiesero a un gruppo di donne di mezza età partecipanti a studi clinici, se avessero mai sperimentato questi traumi.

Le domande potevano sembrare fuori luogo per alcuni: i ricercatori, guidati dalla dottoressa Rebecca Thurston, stavano studiando l'associazione tra sintomi della menopausa - in particolare vampate di calore - e primi segni di aterosclerosi, o indurimento delle arterie, un fattore di rischio per malattia cardiovascolare.

Ma perché chiedere di molestie e aggressioni in uno studio sulla salute del cuore?

Per la dr Thurston, professore di psichiatria, psicologia ed epidemiologia, comprese però che le domande avevano un senso. Rebecca Thurston è stata a lungo interessata a come le disuguaglianze di genere influenzano la salute delle donne. Le molestie sessuali sul posto di lavoro e le aggressioni sessuali sono "espressione di questa dinamica di potere", ha affermato.

Thurston dirige il laboratorio di Biobehavioral Health delle donne a Pittsburgh, dove una linea di ricerca è dedicata ai fattori psicosociali nelle malattie cardiovascolari femminili. Sapeva che gli eventi traumatici come le molestie sessuali e l'aggressione sono potenti fattori di stress, e sospettava che potessero avere un impatto sulla salute cardiaca delle donne. Un'analisi post hoc dello studio sulle donne di mezza età, recentemente pubblicata su JAMA Internal Medicine, suggerisce che aveva ragione.

Per saperne di più:

» https://jamanetwork.com/journals/jamainternalmedicine/article-abstract/2705688

» Jama: "Sexual Harassment and Assault Associated With Poorer Midlife Health in Women"

notizia pubblicata il 15 Gennaio 2019