HPV in Australia: una vaccinazione di successo

Nel maggio 2018, il direttore generale dell'OMS ha richiesto "un'azione coordinata a livello globale per eliminare il cancro cervicale".

Una soglia di eliminazione, in termini di incidenza del cancro del collo dell'utero non è stata ancora definita, ma un'incidenza assoluta del cancro cervicale potrebbe essere presto scelta per tale soglia. L'incidenza del cancro cervicale e il tasso di mortalità associato, in Australia, sono tra i più bassi al mondo. Dopo l'introduzione del programma nazionale di screening cervicale (NCSP) nel 1991, l'incidenza del cancro cervicale in Australia è diminuita del 50% circa nelle donne di età superiore ai 25 anni.

Il NCSP ha coinvolto lo screening basato sulla citologia ogni 2 anni, dall'età di 18-20 anni, fino all'età di 69 anni. La copertura di questo programma, come riportato nel 2017, è stata di circa il 70,2% nel triennio 2013-2015 e dell'83% nello stesso periodo di 5 anni 2011-15.

Il 1 ° dicembre 2017, l'Australia è passata al rinnovato NCSP, un programma che ha coinvolto lo screening primario del papillomavirus umano (HPV) ogni 5 anni per donne di età compresa tra 25-69 anni e un test di uscita per donne di età compresa tra 70-74 anni, con parziale genotipizzazione per HPV tipi 16 e 18 e triage citologico a base liquida per altri tipi di HPV.

Prove cliniche su larga scala e modellazione dettagliata suggeriscono che lo screening HPV primario è più efficace nel rilevare anomalie cervicali e prevenire il cancro cervicale rispetto allo screening con citologia a intervalli più brevi.

» The Lancet: "The projected timeframe until cervical cancer elimination in Australia: a modelling study"

notizia pubblicata il 08 Gennaio 2019